MaVi al Salone del gusto 2012,  una dimostrazione di cucina slow-food vegan  e crudista (forse la prima?)

Di solito blog è sinonimo di attualità, ma la Cucina ecozoica ha i suoi tempi, è un luogo web anomalo, e stavolta vi propone una pagina di storia. Questa foto scattata all’ingresso del Salone  l’avevo pubblicata nella pagina Facebook, la mia zattera telematica di quel periodo in cui il sito era offline, sottolineando che questa frase la posso condividere con un paio di varianti, la rivoluzione dovrebbe essere una ri-evoluzione e le radici locali devono essere completamente vegan se vogliamo davvero un futuro per la Madre Terra.

Che ci fa la Cucina ecozoica al Salone del gusto 2012?

Con Gente del fud ho avuto l’occasione di partecipare con uno “showcooking” ecozoico-crudista, per presentare le mele antiche del Casale Nibbi, prodotto tipico scelto insieme al blogger con cui ero abbinata, Mario Sepe, simpaticissimo partenopeo trapiantato a Roma per lavoro (ma il finesettimana torna a casa).

Ilconcorso di cucina ci aiuta a sviluppare le nostrecapacitàculinarie e la creativitàdellacucina. Così, è semprebeneprendere parte aiconcorsi, provarenuovipiatti e presentare in modosorprendente per affascinareilpubblico.

Cucinarediventauncompito facile quando lo eseguiamo con pienointeresse e concentrazione. Possiamoancheleggeremoltericette da online e cercare di replicare con ilnostro stile di cucina.

Se voleteconoscere i piattipiùinteressanti, poi hop oltre a questositoe guardare i video di cucinapostatodaglieminentiprofessionistidellacucina.

Noi i genitoridovrebberosempre dare ainostri bambini spuntinisani e pranzo. Dovremmoaggiungerepiùfrutta e verdura e cosìfacendopossiamosviluppareillorosistemaimmunitario in modocorretto.

Come tuttisappiamo, unamela al giornotienelontani i dottori. Dobbiamoinculcarel’abitudine di prendereunamela al giorno per mantenere la nostra salute.Cisonovari dessert chepossonoesserepreparati con la mela. Cosìmangiaresano e vivere in modosano

Per queste mele avevo suggerito a Mario una preparazione crudista di Cris, i canest-raw-lli, un dolce semplice e sano ma tanto buono, che ero sicura sarebbe piaciuto a tutti. Ma strada facendo come vedremo sono diventate per ragioni di tempo e praticità ciambelline ricoperte di finto cioccolato e non doppia ciambella con ripieno come da canestrello. Anche perché la formina della giusta misura per intagliare i bordi delle mele e farli ondulati non l’avevo a disposizione. La nuova preparazione è nata così