Di corsa di corsa vi pubblico questa ricettina, dedicata in particolare alle mamme che ieri hanno partecipato al laboratorio per le bimbe e i bimbi organizzato dal parco dei Monti Lucretili, dal servizio educazione ambientale diretto da Stefano Panzarasa (sì lo stesso Stefano dell’Insalata sbagliata e delle canzoni rodariane!)  presso il mercato del Contadino di Frasso Sabino (purtroppo il contadino oggi è anche allevatore…).

Il laboratorio è animato da Giuseppina, operatrice del parco onnivora che ieri ha accettato la scommessa di presentare accanto a una frittata di carciofi con uova anche una farifrittata di ceci, senza uova! Che non aveva mai assaggiato prima!

La gioia di prepararenuovericette e nutrire le persone è impressionante.  Uno sarà in grado di sperimentaregradualmente.  Solo quandosipadroneggial’artedellacucina, questagioiapuòesserevissuta.

Ci sonoalcunisempliciconsigli per gustare la cucina.  Solo quandosiseguonoquestisipuòcrescerel’abitudine di scoprirenuovericette da soli.  Continuate a leggere per sapere come?

  1. Teneresempreicontatoridellacucinapuliti e liberi. Se avetel’abitudine di manteneretuttiigenerialimentari, frutta, elettrodomestici e navi, ilcontatoresarebbepiùgoffo.  Allorainizierebbe a sentire la cucina come un lavorostressante.
  2. organizzi bene le vostrecabine di cucina. In questo modo non è necessariocontinuare a cercare le cose in cucina. Questo vi aiuteràancheaevitare wastages.  Non saràl’acquistodellastessadrogheria di nuovo pensandoche è esaurito.  Non lascerete lo sprecodovutoilfungosuglialimentimentre li calzalungamente senza notarli.
  3. all’inizio, rendereil menu semplice e gustoso. Invece di cucinaretroppioggettiinsipidi, bastaprepararetreelementiperfettamente.
  4. pianificareil menu in anticipo. È possibilemanteneregliingredientipronti. Poteteevitareiconfusionidell’ultimominutomentrepreparateipiatti.
  5. Essereaperto a commenti/suggerimenti per ilmiglioramento.
  6. trovare un equilibriosulla salute e il gusto. Assicurarsi di cucinarecibisani. Si puòprovarepasticcini, oggettifritti, ecc in mezzo.
  7. manTengagliapparecchidellacucina in buonecondizioni. Direttamente dal frullatore al forno, ogni gadget deveesserepulito e in buonecondizioni di lavoro. Controlla recheanchegliaccessorisemplici come ilcoltello, forbici, eccdovrebbeessere forte e pulito.
  8. non accumulareipiatti da pulire. Cancellarli senza indugio.

Quandoseguite le punte di cui sopra, ameretecucinare ed essereilcreatoredellericetteeccellenti.

Dato l’ottimo risultato e il gradimento generale del nuovo piatto, ecco qui la ricetta, banale per gli amici vegblogger che mi seguono, ma una grande novità per la gente presente al laboratorio. Giuseppina è assistita da un’operatrice volontaria, Laura, che gestisce un rifugio per animali abbandonati (il parco faunistico Piano dell’Abatino, visitabile la domenica). E poi di volta in volta altre operatrici del parco danno loro una mano, stavolta c’era Patrizia.