Puntarelle alle acciughe di bosco

By | November 25, 2018

Videoricetta QUI.

Per provare l’olio novello bio sabino che abbiamo preso da un nostro amico di Montorio Romano la cosa migliore è gustarlo a crudo! direi quasi a sorsi per quanto è buono!

 

Altre info sull’olio le trovate qui, in Gente del fud.

Per presentarvelo ho rivisitato e scrudelito un piatto della tradizione romana di cui ero ghiotta da onnivora e di cui certo non voglio privarmi nemmeno ora che ho compiuto una scelta ecozoica che non è affatto sinonimo di penitenza!

Attraversoquestomioarticolo ci accingiamoa Ulteriori informazionisull’oliod’olivabiologico. Siamotuttimoltoconsapevolidella nostra salute e vogliamomangiaresano e rimaneresaniche è moltobuona, ma prima chedovremmoavere la conoscenza di almenoquellecosechesonocomunementeutilizzatinellenostrecucine. E quandosidiscute di buona salute abbiamobisogno di iniziare con l’olio da utilizzare. È la cosacomune da utilizzareognigiorno. In Sabina possiamotrovareun gran numero di personechecrescono olive organiche. L’agricolturabiologica ha sempreavutoungrandesuccesso.

Qui abbiamounaricettapreparataanche da questo olio. Faremo di puntarelleunpiatto ben noto. Per questo prima abbiamobisogno di comprarecicorione. Vienefornito con unsacco di foglieverdi e le sue forbicinesonochiamatipuntarelle. Dobbiamorimuovere le fogliepiùgrandi, ma la cicoriadovrebbeessere in fogliepiùpiccole e teneri. Tagliareilpezzo di noccioloduro e poi strappatoipunti con la suafamigliafogliapoco, rimuoverli e mettere da parte. Poi sisaràlasciato con puntarellenudoalla fine e non dimenticare le fogliegrandi e piccolefoglie. Farlomoltoagevolmentesenzaalcuntrambusto e otterreteunpiattogustoso.

Per prima cosa dovete acquistare il cicorione, le cui spigature sono le nostre puntarelle: si presenta con un sacco di foglie verdi da mettere da parte e poi utilizzare come vi spiegherò più avanti, perché nella cucina ecozoica non si butta nulla!